My Life in Trek, una nuova collaborazione in casa Garmont

08/08/2019



Non bisogna essere necessariamente dei professionisti della montagna o aver compiuto imprese straordinarie; basta avere il coraggio di vivere la propria vita appieno, superando la soglia delle proprie paure, scoprendo in sé quella forza che fa tirare fuori il nostro lato più vero e istintivo. Questa è la nostra filosofia #staywild, e questo ha fatto Marika Ciaccia, 28enne, creatrice di My Life in Trek e nuova ambassador di Garmont.

“La vista più bella è dopo la salita più dura”

Queste parole campeggiano nell’home page del blog di Marika, My Life in Trek, e sintetizzano in breve la sua storia. Una decina di anni fa le sono state diagnosticate una trombosi venosa profonda e un'embolia polmonare, patologie che l’avrebbero costretta a letto o quantomeno che avrebbero compromesso pesantemente la sua mobilità. Da un giorno all’altro Marika, a nemmeno 18 anni, ha iniziato a sentire un dolore fortissimo alla gamba, che poi si è gonfiata fino a impedirle di camminare. Non pensando che si potesse trattare di qualcosa di veramente grave, si è trascurata fino ad aver poi bisogno del Pronto Soccorso. Lì, vista la situazione, hanno messo in dubbio perfino la possibilità di sopravvivere. 



Ma Marika è stata più forte di questa terribile diagnosi e ce l’ha fatta, è guarita. Inizialmente però si sentiva impaurita: i medici le avevano detto che non avrebbe più potuto fare un sacco di cose, tra cui viaggiare in aereo e stare in piedi troppo a lungo. Insomma, era quasi una condanna a una vita di rinunce, legata a doppio filo all’assunzione di medicinali e a un fisico che non avrebbe potuto sostenere troppi sforzi.



Grazie a un sano spirito di contraddizione e alla voglia di tornare a fare tutto, Marika ha iniziato, un po' alla volta, a fare proprio quello che le era stato proibito e, tra le altre cose, ha iniziato a camminare: da allora, passo dopo passo, non si è più fermata. Dal Cammino di Santiago alle cime del Tirolo, dalle montagne arcobaleno del Perù al Monte Rosa, Marika è ora in perenne movimento, con l’obiettivo di “aiutare le persone ad avvicinarsi alla natura, abbandonando la zona di comfort in cui si sono crogiolate per troppo tempo”. Un messaggio in perfetto stile #staywild!

Marika, voce di My Life in Trek


Lasciamo che a raccontarci qualcosa di più sia proprio lei, Marika.

Com’era il rapporto con la montagna, prima della malattia?
“Il mio rapporto con la montagna era molto altalenante. In qualche modo sono cresciuta a contatto con la natura, giocando nei prati con gli animali. Mio zio aveva una baita in montagna, immersa nei boschi, dove viveva solo. Era molto bello andarlo a trovare e vivere la pace di quel luogo, però oltre a questo la montagna non era tra le mie priorità”

E dopo? Quali sensazioni ti dà l’andare in montagna?
“Dopo la malattia tutto è cambiato, ma ci sono voluti anni per apprezzare questa vita a fondo. È stato un percorso, un passo alla volta. Adesso davanti ad un bel paesaggio montano riesco addirittura a commuovermi. Mi sento forte, felice e anche un po' privilegiata”


Perché hai deciso di condividere le tue esperienze di trekking?
“Ho deciso di condividere perché nessuno intorno a me capiva cosa stavo provando. È nato come un racconto più per me stessa che per gli altri ma poi ne ho capito l'importanza, chissà quante persone là fuori si sentivano come me e avevano bisogno di "una spinta". Un messaggio del tipo: "Guarda che non sei solo, se ce la faccio io puoi farlo anche tu, non è niente di straordinario e impossibile".



​​​​​​​Quale sarà la tua prossima avventura?
“Parto l'8 agosto per il Tour del Monte Bianco e lo racconterò in un primo momento sui miei social, poi su YouTube e blog al mio rientro. Sono un po' preoccupata, è un trekking davvero tosto!”

In questa grande avventura Marika sarà accompagnata da Garmont, con le Vetta GTX WMN. La nostra ambassador avrà modo di testare le calzature e di metterle alla prova su un percorso davvero impegnativo. Il Tour del Monte Bianco è un trekking di circa 10 giorni e 10.000 m di dislivello intorno alla vetta più alta d’Europa, e attraversa 3 paesi - Italia, Francia e Svizzera. Una vera e propria prova di resistenza che potremo seguire sui canali Facebook e Instagram di Marika, tifando per lei in questa occasione speciale.
 
#mylifeintrek #ambassador