Garmont ai piedi dei ranger in Sud Africa

31/07/2019



Il nuovo progetto di responsabilità sociale targato Garmont, presentato meno di un mese fa alla fiera OutDoor by ISPO, entra nella fase operativa. I primi scarponi prodotti dalla casa veneta sono stati consegnati ai ranger partner di Global Conservation Corps, attivi nella riserva di Timbavati Private Nature Reserve, in Sud Africa.

 

​​​​​​​
​​​​​​​Garmont sta con gli animali in pericolo

​​​​​​​Matt Lindenberg, fondatore di GCC, è volato in Sud Africa ai primi di luglio, per consegnare personalmente la prima partita di scarponi Garmont ai ranger. Si tratta di persone che lottano ogni giorno per difendere diverse specie animali in pericolo di estinzione – su tutti i rinoceronti, cacciati dai bracconieri per il loro corno, ma anche elefanti, leoni e altri – in condizioni davvero difficili.

Ogni giorno, i ranger devono camminare per chilometri nella savana: è essenziale quindi che possano contare su attrezzature ed equipaggiamento adeguato, in grado di resistere alle condizioni estreme in cui si trovano a operare. È qui che Garmont si è messa in gioco, assicurando a questi moderni paladini della natura selvaggia nuovi scarponi.

​​​​​​​

Un momento emozionante

L’incontro tra Matt Lindenberg e i ranger della riserva è stata una vera festa. Questi uomini coriacei, abituati ad affrontare non solo i rischi della savana ma anche i pericoli insiti nella lotta al bracconaggio, hanno intonato canti di gioia e ringraziamento di fronte al primo lotto di nuovi scarponi.

Alcuni di loro hanno dovuto portare lo stesso paio di stivali per oltre 10 anni: vedere finalmente delle scarpe nuove, destinate proprio a loro, ha segnato davvero un momento speciale.
I due ranger più alti in grado hanno subito testato le nuove calzature, rimanendo sorpresi da quanto leggeri, agili e allo stesso tempo robusti e stabili fossero gli scarponi Garmont nella savana sudafricana.

Durante questo test, i ranger e la troupe si sono imbattuti in una famiglia di ippopotami. Le parole di Anton, responsabile della sicurezza per i ranger, mentre osservava questi splendidi animali hanno suggellato questa giornata indimenticabile per molti e riassunto lo spirito di questa iniziativa: “Siamo incredibilmente fortunati ad avere un'azienda come Garmont al nostro fianco, in questo modo possiamo continuare a proteggere gli animali che amiamo così tanto”.

La collaborazione tra GCC e Garmont non consiste solamente in una fornitura di attrezzature nuove ed efficaci, ma in molto altro. Si tratta di permettere ai ranger di lavorare meglio, di essere più efficaci, e avere maggiori possibilità di compiere la loro missione, vale a dire proteggere la fauna selvatica in un ambiente delicato, poiché proteggere la natura non è una questione di affari, ma è una questione che riguarda tutti.